Le interviste del dott. Mainardi

 

 

 

 

 

 

Fibromialgia e microbiota tra leggenda e realtà

Le conoscenze sul microbiota ci consentono di comprendere le cause della fibromialgia e individuare strategie per porvi rimedio.

Il Microbiota – Vito Lattanzi intervista il dott. Paolo Mainardi per Una Medicina

l’Una Medicina è quella che si prende cura dei batteri in modo da permettergli di prendersi cura di noi.

La nutrizione nell’era del microbiota: presentazione

l’Una medicina è quella che si prende cura dei batteri in modo da permettergli di prendersi cura di noi. Un ringraziamento speciale a Gentiluomo Digitale per il supporto e la collaborazione.

La nutrizione nell’era del microbiota – prima parte

Il nutrizionista ti ha appena dato una dieta basata sul calcolo delle calorie e ha definito un tot percento tra grassi, proteine e carboidrati. In base alle attuali conoscenze sul microbiota, le indicazioni che ti ha dato sono del tutto irrilevanti. Vieni a scoprire come il microbiota determini le nostre preferenze alimentari e controlli la trasformazione del cibo in energia. Mangi il cibo che i batteri chiedono, il tuo peso corporeo dipende non da quello che mangi, ma da come il microbiota decide di trasformarlo. Buona visione.

I recettori del gusto non solo sulla lingua, controllati dal microbiota.

La scoperta di questi recettori, che forniscono risposte anticipatorie al cibo, riconosciuto in base al gusto, ci fa comprendere come il ruolo principale del sistema digerente non sia quello di nutrirci, ma di proteggere l’ambiente dell’ecosistema dove vivono i batteri. Dato che questi batteri controllano il funzionamento dei nostri organi, oggi possiamo capire meglio, e su basi scientifiche, quanto affermava Ippocrate (450 aC) sul ruolo del cibo come medicina. Io aggiungo Una-Medicina, una unica medicina capace di curare il microbiota.

La dieta ottimale per la salute

Al mio terzo intervento a B4eat ad Abano Terme, in questa intervista illustro le mie idee riguardanti la dieta ottimale per la salute.

Sulla base di un attento studio della fisiologia del digerente e di come si sia modificato durante l’evoluzione, si intuisce come prolungate diete a privazione indeboliscono il sistema digerente e riducono le capacità del microbiota di controllare il funzionamento dei nostri organi, i parametri vitali come colesterolo e pressione sanguigna, i processi riparativi e la rigenerazione cellulare.

Il cibo svolge il compito di “allenatore” del sistema digerente, principalmente durante lo svezzamento, e questa sua azione deve continuare anche nell’adulto.

Celiachia e patologie autoimmuni, cosa le lega?

 

In questa intervista introduco all’Una Medicina, ovvero la medicina che si prende cura dei batteri per consentire loro di svolgere correttamente le loro funzioni di controllo e di riparazione.

Metto in evidenza la necessità di mantenere nutrite le cellule del sistema digerente che si nutrono principalmente di acido butirrico, come la guerra al colesterolo non si basi su evidenze scientifiche e come sia importante per la salute del nostro microbiota reintrodurre acidi grassi nella dieta, dai quali, durante l’evoluzione, abbiamo imparato a ricavare gli acidi grassi a corta catena (tra cui il butirrico), oltre che dalle fibre indigeribili.

In studio con me la sig. Eleonora Tricolore, affetta da due patologie autoimmuni, testimonia la sua esperienza con il Serplus.

Un video mostra “il miracolo” ottenuto sempre dal Serplus su un caso di autismo: ad Agosto 2015 lo stato di Claudia era abbastanza grave in quanto non parlava e aveva atteggiamenti autolesionistici e movimenti afinalistici; al controllo di febbraio 2016 entrava nell’ambulatorio sorridente e chiedeva quando avrebbe potuto mangiare qualcosa di più. Era solare e affettuosa nei confronti dei genitori. Chiaramente non sono miracoli, ma il risultato delle azioni specifiche del Serplus nel migliorare l’ambiente dell’ecosistema intestinale, risolvendo patologie che ci sembrano distanti, ma che hanno come causa comune un’alterazione del microbiota.

Inserire testo qui

Colesterolo: piromane o pompiere?

21 Aprile 2020 Medicina Amica: La medicina e la nutrizione nell’era del
microbiota

 

Inserire descrizione.

12.04.2016 Medicina amica: Una medicina

Inserire descrizione

25.02.2016 Laboratorio salute: infiammazione dell’intestino e
testimonianza di guarigione

In questa intervista propongo collegamento via Skype con Shantih Coro a Miami, nutrizionista di origine Genovese, che da anni porta celiaci in dieta libera. Durante la trasmissione, alla domanda che differenza c’è tra il suo metodo e quello di Mainardi, dice: con il mio si va in bicicletta, con quello di Mainardi in Ferrari”. La principale differenza tra i 2 metodi è con o senza Serplus. Vedrete anche i risultati ottenuti con questa “Ferrari” su un caso di insieme di patologie. Questa signora mi scrisse disperata un’email ai primi di Agosto del 2015, poteva mangiare solo una decina di alimenti, cotti in pentole particolari, non poteva nemmeno più toccare alimenti contenenti glutine, metalli, aveva una forte alopecia…Al convegno dei “Serplussini” a Carpi a ottobre 2015, seguendo da sola le mie indicazioni, aveva già potuto reintrodurre molti alimenti, aveva di nuovi i suoi capelli… 

19.03.2015 Laboratorio salute: asse intestino cervello, pane primus e
pranoterapia

Inserire descrizione

Border Nights puntata 335: L’ASSE CERVELLO/INTESTINO
PAOLO MAINARDI

 

Lunga intervista che spazia su diversi argomenti.

Dalla Prevenzione alla Cura: il ruolo del MICROBIOTA: 

Da anni conosco il dott.Grisotti, presidente dell’Asssociazione Italiana sulla Prevenzione Primaria, e entrambi siamo convinti del ruolo fondamentale del microbiota per mantenerci in salute.

NAPOLI, 28-30 settembre 2019: Intervista al Congresso nazionale della Società Italiana di Neuropediatria 

Hot topic: il ruolo del microbiota nella neuropediatria

L’asse intestino– cervello – microbiota nelle malattie neuropsichiatriche in bambini e adulti

Gli esperti dell’Istituto Giannina Gaslini e dell’Università di Genova saranno al centro del focus internazionale “The Gut-Brain-Microbiome connection in neuropsychiatric diseases of children and adults” sull’asse intestino-cervello-microbiota: un’interazione cruciale perché la disfunzione di questo asse è alla base di numerose patologie neuropsichiatriche e non solo, e può essere il target per una terapia mirata e più efficace. In un contesto transdisciplinare che mette a confronto clinici, ricercatori di base, microbiologici,fisiologici, nutrizionisti e dietisti, si focalizzerà sulla sempre più reale possibilità di ‘decifrare’ il modus operandi di questi microrganismi, che peraltro rappresentano la maggior parte del materiale genetico contenuto nel nostro organismo, ma soprattutto un’alternativa alle canoniche strategie terapeutiche utilizzate.